Cerca
Generic filters
Nur genaue Treffer
Suche im Titel
Suche im Inhalt
Suche in Zusammenfassung
Prodotti testati 4
Ore impiegate
Ore impiegate 28
Studi valutati
Studi valutati 21
Recensioni lette
Recensioni lette 1400

La Migliore Bicicletta del 2021 - Confronti e Recensioni delle biciclette

Pochi oggetti quotidiani rimandano all’idea di libertà come la bicicletta. Ma a quel pensiero romantico ormai se ne affiancano altri molto più attuali. Oggi infatti la bicicletta è indicata come la soluzione migliore per muoversi nei piccoli o medi centri abitati in maniera da ridurre l’inquinamento da polveri sottili. Secondo le opinioni degli esperti, nelle grandi città contribuisce a snellire il traffico per gli spostamenti sotto i 5 chilometri, e nel fine settimana è la compagna ideale sia per lo sport sia per il tempo libero. Abbiamo già detto che pedalare fa bene alla salute? Insomma, è ufficiale: questo semplice mezzo a due ruote sta vivendo una seconda giovinezza, anche grazie alle nuove tecnologie, ai nuovi materiali impiegati e alla novità delle biciclette elettriche.

Bicicletta lista dei migliori prodotti del 2021

Ultimo aggiornamento il:

Voto
Prodotti testati 4
Ore impiegate
Ore impiegate 28
Studi valutati
Studi valutati 21
Recensioni lette
Recensioni lette 1400

Cos’è una bicicletta e come è fatta?

Se il funzionamento di una bicicletta è chiaro a tutti, forse non tutti sanno che in commercio esistono tantissimi tipi di questo vero e proprio mezzo di trasporto. A seconda del modello, la bici può infatti avere un diverso peso, un diverso utilizzo, un diverso aspetto e, ovviamente, anche un diverso costo. Però tutte sono accomunate dagli stessi elementi: un telaio su cui sono montate le ruote, un manubrio, due pedali e una catena. Un oggetto davvero semplice che è anche di facile manutenzione in casa propria.

Per chi si appresta ad acquistarne una per la prima volta può non essere facile capire per quale tipo optare o quanto spendere. Ma niente paura, questa guida comparativa è stata scritta proprio per aiutare a scegliere la migliore soluzione. Continua a leggere per saperne di più!

Vantaggi e aree di utilizzo

Chi sceglie di acquistare una nuova bicicletta lo fa per diversi motivi. C’è chi lo fa perché vuole risparmiare sulla benzina o sulla tariffa del parcheggio in centro. Chi ha deciso di praticare attività fisica approfittando dei tragitti quotidiani. Chi lo fa per sport. E chi, semplicemente, ha nostalgia delle due ruote.

La bicicletta fa bene a tutte le età, basta scegliere il modello giusto.

Quali tipi di bicicletta esistono?

I modelli e i marchi sono innumerevoli, tuttavia quasi tutte le biciclette si possono far rientrare in tre grandi categorie: bici da strada, bici da città e bici da montagna. Come è facile intuire, ognuna di queste tipologie ha un suo ambiente prediletto. Ciò non toglie che alcune categorie siano “intercambiabili”, soprattutto per chi ne fa un uso sporadico. Ma allora come si sceglie la migliore bicicletta? Il criterio fondamentale è il gusto personale. Dopodiché bisogna pensare all’uso che se ne farà (quanti chilometri al mese o a settimana e su quale terreno). Infine si stabilisce un margine di spesa.

Mountain bike

Negli anni ‘80 dei ragazzini americani presero delle vecchie bici, montarono sul telaio dei grossi copertoni e usarono questi mezzi improvvisati per lanciarsi giù da pendii impolverati a tutta velocità. Nasce così la MTB, un tipo di bicicletta che ancora oggi è sinonimo di libertà, aria fresca, corse nei boschi e, a volte, qualche ginocchio sbucciato.

Le bici da montagna hanno un telaio più spesso, ruote più larghe e dentate, manubri larghi e molta componentistica. Possono essere rigide o ammortizzate e ne esistono di diversi tipi a seconda della specialità preferita (downhill, trail, enduro…), ma hanno tutte qualcosa in comune: stanno bene su sterrato, fango e terreni non asfaltati in generale.

Bici da strada

Ovvero quelle che normalmente si chiamano “da corsa”. Sono i mezzi con la forma più elegante e la scelta migliore per chi ama l’asfalto e la velocità. Hanno infatti un telaio più sottile e una diversa geometria, che porta il ciclista a pedalare con la schiena quasi orizzontale rispetto al piano stradale. Il manubrio classico da strada è quello “a corna” con cambio e levette del freno vicini.

Sono sempre più leggere, anche grazie all’uso della fibra di carbonio. Con la componentistica ridotta al minimo, poca o nulla ammortizzazione e zero accessori (come parafanghi o portapacchi), una bicicletta da corsa è fatta apposta per sfruttare l’aerodinamica e volare dritta alla meta.

Bici urbana

In questa categoria rientra la maggior parte delle bici che non sono da strada o MTB. Si tratta di modelli comodi, pensati per spostarsi facilmente in città, per fare la spesa, per portare i bambini a scuola o per recarsi in ufficio lasciando a casa l’auto. Sono bici abbastanza robuste e adatte a caricare portapacchi, cestini o borse laterali, e in alcuni casi possono essere adatte anche ai viaggi lunghi.

In questa tipologia troviamo anche le bici pieghevoli, molto utili da portare sui mezzi pubblici, soprattutto in treno dove viaggiano gratis in quasi tutta Italia: la scelta migliore per chi vuole sperimentare l’intermodalità urbana.

Approfondimento sulle migliori biciclette

Una volta capita la differenza tra i vari modelli è possibile fare una selezione dei prodotti disponibili, passaggio facilitato dalla tabella comparativa di questa guida. Per selezionarli abbiamo tenuto conto di diversi criteri, tra cui le opinioni più positive lasciate dagli acquirenti e le esigenze dei diversi tipi di ciclisti.

Momo Design Venezia

Momo Design è un brand italiano specializzato in accessori per moto.

Per chi non ha mai avuto o provato una bicicletta elettrica, questo modello è un buon test per capire se la pedalata assistita fa al caso suo. Momo Design è un brand italiano specializzato in accessori per moto: oggi è anche molto diffuso nel mondo della mobilità elettrica ed è affidabile per quanto riguarda la tecnologia utilizzata. La batteria c’è ma non si vede perché resta integrata nel portapacchi e non spezza la geometria del telaio.

A proposito di telaio, non c’è nemmeno bisogno di leggere le opinioni per capire che è comodissimo: la mancanza di tubo orizzontale lo rende facile da usare anche per donne o persone anziane. E infatti questa bici è perfetta per girare in paese o in città, per le commissioni di tutti i giorni, per fare la spesa senza sforzo e per affrontare qualche salita senza fiatone. L’autonomia è di circa 40 km e arriva a casa accessoriata con campanello e luci.

SAVADECK Warwind 3.0

La SAVADECK Warwind 3.0 costa più di mille euro, ma li vale tutti.

Sì, la SAVADECK Warwind 3.0 costa più di mille euro, ma li vale tutti: è da corsa, è in carbonio e pesa come un fuscello (meno di dieci chili). E poi è anche bella da vedere! Per questo prezzo è quasi impossibile trovare un’opzione migliore. In fase di acquisto si può scegliere sia la taglia del telaio sia il colore. Le ruote, rigorosamente da 700CC, sono in lega di alluminio e montano pneumatici Continental (sempre ligia ai test di sicurezza). Il cambio Shimano da 18 velocità è versatile e si adatterà a qualsiasi tipo di pendenza.

Leggendo le opinioni di chi l’ha acquistata è innegabile che il vantaggio più apprezzato è sempre l’eccellente rapporto qualità-prezzo. Visti il budget, le prestazioni e il design originale, dichiariamo ufficialmente questa bicicletta come un buon entry level per chi vuole avvicinarsi al mondo della fibra di carbonio. Consiglio: con un mezzo del genere il test della fiducia non conviene mai; l’acquisto di un buon lucchetto è praticamente d’obbligo.

Alpine Bike T2

La Alpine Bike T2 è la bicicletta più facile da usare.

Sicuramente la Alpine Bike T2 è la bicicletta più facile da usare fra tutti i prodotti della nostra tabella comparativa. Il classico telaio “olandese”, poi, nell’immaginario collettivo è da sempre sinonimo di pedalate nei parchi, relax e piccole gite domenicali in città. Il modello è nuovo e molto robusto, tuttavia il design e i colori sono delicati e perfetti per chi ama l’estetica vintage. Ha una sola marcia, quindi è la scelta migliore per chi non deve affrontare percorsi con grandi salite. Pur essendo un’opzione low budget, è una delle biciclette da passeggio più eleganti oggi in circolazione. In più è comoda perché permette di pedalare con la schiena dritta.

Altri vantaggi segnalati nelle opinioni degli utenti: è possibile montare un cestino sul manubrio e un seggiolino per bambini, così come le sacche laterali sul portapacchi posteriore. In più la protezione della catena permette di pedalare senza timore di sporcare i pantaloni di grasso: l’ideale per arrivare a destinazione sempre impeccabili.

Dino Bikes 143 GLN

La MTB Dino Bikes 143 GLN per giovanissimi ciclisti.

Parola d’ordine: avventura! La MTB Dino Bikes 143 GLN per giovanissimi ciclisti (età 4-7 anni circa) è il regalo migliore per chi vuole la bici “come quella dei grandi”. Ruote dentate per affrontare lo sterrato, doppio parafango per affrontare le pozzanghere più insidiose, materiali robustissimi e soprattutto rotelle laterali incluse per chi non ha ancora passato il test delle due ruote (ma conta di farlo presto: si smontano con facilità).

Secondo le opinioni di chi l’ha acquistata, questa bici è adatta a bambini alti circa 100-110 centimetri ed è facile da trasportare perché molto leggera. Si può quindi caricare in automobile per raggiungere in ogni momento il parco o la casa dei nonni. Un altro vantaggio di questo prodotto è la sicurezza data dal marchio: Dino Bikes è un brand made in Italy che produce biciclette per tutta la famiglia dal 1920 e ogni sua bici è sottoposta a un rigido sistema di test di qualità.

Vantaggi e svantaggi descritti nei feedback degli acquirenti

Chi acquista un prodotto online effettua alcuni test prima di pubblicare una recensione con opinioni oneste, soprattutto se non è la sua prima bici e può vivere un’esperienza comparativa con il modello precedente. Ecco alcuni tra i pro e i contro che gli acquirenti notano con più frequenza in una nuova bicicletta.

  • Design curato ed elegante.
  • Telaio molto leggero e facile da trasportare.
  • Materiali utilizzati di qualità.
  • Accessori inclusi.
  • Poca scelta nelle taglie.
  • Difficoltà a regolare con precisione sella o manubrio.
  • Troppa plastica usata per accessori o dettagli.
  • Adesivi che si staccano facilmente.

Criteri di acquisto

Come si sceglie la migliore bicicletta? Prima di tutto bisogna capire le proprie esigenze di spostamento: per sport, per svago, per lavoro, per viaggiare o altro. Poi si può passare allo stile: non tutti amano le mountain bike, non tutti si sentono comodi su una bici da corsa e così via. Ecco spiegati alcuni criteri della nostra tabella comparativa.

Video:Viaggio in bici per scoprire il cuore delle Marche

Tipologia

La scelta della bicicletta è anche questione di carattere e non sarebbe corretto acquistarne una solo perché “è bella da vedere”. Ogni tipologia comporta un diverso uso, una diversa manutenzione e una diversa posizione in sella. Per esempio, chi ha problemi di schiena non dovrebbe acquistare una MTB, e per chi non ama l’alta velocità non ha molto senso scegliere una bici da strada. Infine chi non vuole dedicare molto tempo a pulizia e manutenzione può scegliere una bici monomarcia e con poca componentistica.

Taglia

La bicicletta è un oggetto che, per essere salutare, deve essere ergonomico e della giusta taglia. Questo vale per gli adulti ma anche per i modelli da bambini. Per fare un test e scoprire la propria taglia di bicicletta basta misurare l’altezza da terra al cavallo dei pantaloni. Su internet si può cercare una tabella comparativa tra taglie e misure per essere certi di acquistare la bici migliore per la propria altezza.

Sapevi che la bicicletta non è nata subito nella forma che oggi conosciamo? I primi modelli con l’enorme ruota anteriore erano riservati a individui aitanti e atletici! Nel tempo la bici ha anche avuto diversi nomi: celerifero, draisina, velocipede… Alcuni importanti innovazioni che hanno portato alla forma attuale sono sicuramente l’invenzione della catena e degli pneumatici con camera d’aria (introdotti dal marchio Dunlop).

Pedalata assistita o no?

Oggi è una domanda più che lecita per diversi motivi. Le biciclette a pedalata assistita sono migliorate tantissimo: la componente elettrica si è rimpicciolita e spesso è quasi invisibile, i prezzi si sono abbassati, l’autonomia è aumentata e la scelta è vastissima. Non c’è bisogno di avere la patente o di aver passato un test per guidare una bici elettrica e in Italia sono legali (con limiti di velocità). Chi vive in zone collinari o trasporta spesso pesi dovrebbe considerare anche questa opzione.

Video: Bonus bici con pedalata assistita: come chiedere il rimborso

FAQ

Come pulire la bicicletta?

Per superare il test del tempo, la bici ha bisogno di una corretta manutenzione che si può fare a casa. Per ingrassare la catena va prima tolto il grasso vecchio. Con uno spazzolino bisogna eliminare polvere e fango secco da tutti gli ingranaggi visibili. Per pulire il telaio bastano un detergente leggero diluito in acqua e un panno morbido.

Perché la bicicletta resta in equilibrio?

Per la legge di conservazione del momento angolare, un principio fisico relativamente semplice per il quale un oggetto che ruota intorno al proprio asse è in grado di mantenere fisso il proprio piano di rotazione. Il fenomeno si chiama effetto giroscopico e si osserva con un semplice test: la monetina che gira sul tavolo.

Quale bicicletta scegliere per il cicloturismo?

Il turismo lento, a piedi o in bici, è sempre più diffuso sui sentieri di tutta Italia. La bici da cicloturismo deve essere comoda e avere molte marce. Il telaio robusto deve adattarsi a portapacchi e borse. La ruota migliore è quella versatile: né troppo spessa come nelle MTB né troppo sottile come nelle bici da strada.

1 stelle2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (nessuna valutazione ancora)
Loading...
  • 300+

    prodotti confrontati

  • 27.000+

    commenti di clienti valutati

  • 10+

    esperti di settore

  • Dal 2013

    lunga esperienza

© Italiaonline S.p.A. Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963