Prodotti testati 4
Ore impiegate
Ore impiegate 30
Studi valutati
Studi valutati 25
Recensioni lette
Recensioni lette 1465

I Migliori Antiossidanti del 2022 - Confronti e Recensioni degli Antiossidanti

Antiossidanti  lista dei migliori prodotti del 2022

Ultimo aggiornamento il:

Voto
Prodotti testati 4
Ore impiegate
Ore impiegate 30
Studi valutati
Studi valutati 25
Recensioni lette
Recensioni lette 1465

Molte persone decidono di assumere integratori antiossidanti per aiutare il corpo a prevenire danni oppure per compensare le carenze nell'alimentazione. L'obiettivo è quello di prendersi più cura di varie parti del corpo tra cui pelle, occhi e organi interni, compreso il cervello. Ma come puoi immaginare non è tutto oro quello che luccica e prima di scegliere un prodotto bisognerebbe conoscerne bene le proprietà e gli effetti sulla salute. Dopo una tabella comparativa dei migliori integratori di antiossidanti, scelti dopo aver analizzato e testato moltissimi prodotti, puoi leggere una guida che ti aiuterà a trovare l’opzione più adeguata alle tue esigenze.

Cosa sono gli antiossidanti e cos’è importante sapere al riguardo?

Le sostanze naturali o artificiali che aiutano a prevenire o ritardare alcuni tipi di danni alle cellule sono chiamate antiossidanti. Si presentano come componenti alimentari (in frutta e verdura), o come integratori alimentari.

Alcuni dei danni che possono verificarsi alle cellule sono causati dai radicali liberi, molecole che raggiungono la loro stabilità modificando le molecole vicine e provocando una reazione a catena che finisce per ossidare, e quindi danneggiare, molte cellule.

Gli antiossidanti sono responsabili della stabilizzazione dei radicali liberi e dell’inibizione della loro capacità di ossidazione per proteggere gli organi e gli apparati che possono essere interessati. Un nutriente ha proprietà antiossidanti quando è in grado di neutralizzare questi radicali senza perdere la propria stabilità.

Tuttavia, in molte occasioni, gli antiossidanti non riescono a combatterli a causa della loro quantità eccessiva, causata dall’inquinamento dell’aria, dal fumo di tabacco, dagli erbicidi, da alcuni grassi e da altri fattori esterni. Questo eccesso di radicali liberi, non potendo essere eliminati dall’organismo, danneggia le membrane cellulari e facilita lo sviluppo di vari tipi di malattie.

A chi possono essere utili gli antiossidanti?

Gli antiossidanti fanno bene a tutti, a prescindere da età, posizione geografica e stato di salute. Tuttavia a determinati gruppi di persone sono particolarmente raccomandati e te li elenchiamo qui di seguito.

Antiossidanti per persone anziane

Secondo la teoria dell’invecchiamento causato dai radicali liberi, il danno ossidativo derivante dallo squilibrio tra “ossidanti” e antiossidanti si accumula nel tempo causando il progressivo deterioramento della struttura e della funzione dei vari organi del corpo e, infine, la morte. Sembra che l’alimentazione sia tra i più importanti fattori esogeni a incidere su questo squilibrio, poiché ha un impatto notevole sullo stress ossidativo dell’individuo. La scelta di cibi e bevande antiossidanti sembra quindi la cosa migliore per chi vuole vivere una vecchiaia con meno acciacchi.

Tuttavia, a causa di uno scarso appetito e spesso anche per la difficoltà di masticazione, gli anziani mangiano meno verdura rispetto alle persone sotto i 60 anni, il che riduce il loro apporto di antiossidanti in un periodo di fabbisogno maggiore. Un’integrazione ad hoc (possibilmente facendosi seguire da un medico) di antiossidanti è quindi altamente raccomandata nelle persone non più giovanissime.

Antiossidanti per atleti

I migliori antiossidantiLe persone che fanno sport, generalmente, hanno un aumentato fabbisogno di antiossidanti. Questo perché, facendo attività sportiva soprattutto a livello agonistico, si genera un sovraccarico di radicali liberi che può provocare danni cellulari e muscolari, accelerando la fatica e ritardando il recupero. Questo sovraccarico può essere smorzato dagli antiossidanti assunti attraverso la normale alimentazione o sotto forma di integratori.

Poiché gli atleti fanno spesso uso anche di proteine in polvere e aminoacidi, l’aggiunta di antiossidanti dovrebbe essere valutata insieme a uno specialista, che indichi non solo la tipologia giusta per l’integrazione ma anche le quantità e le modalità che non vadano a interagire sul resto dei nutrienti.

Antiossidanti per persone che vogliono prevenire determinate patologie

Come abbiamo visto, esiste una relazione inversamente proporzionale tra antiossidanti e rischio di malattie croniche. In particolare, le patologie sottoelencate sembrano essere correlate strettamente all’ossidazione delle cellule da radicali liberi.

  • Alzheimer. Uno studio pubblicato dal ricercatore Yves Christen, della Fondation Ipsen di Parigi, su ‘The American Journal of Clinical Nutrition’ (una delle pubblicazioni più rinomate in questo campo), ha evidenziato la relazione “tra il morbo di Alzheimer e i radicali liberi, che si basa sulla suscettibilità dei neuroni al danno da questi composti. Molti antiossidanti come la vitamina E o la selegilina hanno mostrato risultati promettenti per prevenire e rallentare gli effetti dell’Alzheimer”.
  • Parkinson. In uno studio dei ricercatori Wood-Kaczmar A., Ghandi S. e Wood N.W., dell’Istituto di Neurologia del National Hospital for Neurology and Neurosurgery di Londra, è stato stabilito il legame “tra lo stress ossidativo e la ‘substantia nigra’ (un’area del cervello) caratteristica dei pazienti con Parkinson”. I trattamenti antiossidanti sembrano quindi utili per evitare la neurodegenerazione della malattia.
  • Diabete. I ricercatori italiani Davi G., Falco A. e Patrono C., dell’Università di Chieti hanno condotto uno studio intitolato “Perossidazione lipidica nel diabete mellito” in cui è stata analizzata la relazione di alcuni agenti ossidanti con la malattia. Questo studio valuta anche il potenziale che alcuni antiossidanti (come gli integratori vitaminici) potrebbero avere nella prevenzione della malattia.
  • Artrite reumatoide. I ricercatori Carol A. Hitchon e Hani S. El-Gabalawy dell’Università di Manitoba in Canada hanno chiarito in uno studio del 2004 che “il metabolismo dell’ossigeno svolge un ruolo importante nello sviluppo dell’artrite reumatoide”.
  • Cancro. Se tutta la ricerca sul danno ossidativo e sui benefici degli antiossidanti è molto prudente nel trarre conclusioni, nel caso del cancro, molto di più. In un documento del National Cancer Institute degli Stati Uniti è stato valutato lo stato della ricerca sugli effetti degli antiossidanti per prevenire il danno ossidativo che si ritiene abbia un ruolo nello sviluppo del cancro. Questo documento spiegava che “in studi di laboratorio e su animali, è stato dimostrato che la presenza di antiossidanti ingeriti previene il danno ossidativo associato allo sviluppo del cancro”. Altri studi hanno trovato una relazione inversamente proporzionale tra il consumo di licopene e il rischio di malattie croniche come il cancro o le malattie cardiovascolari.

Quali sono i principali vantaggi e svantaggi degli antiossidanti?

Ci piacerebbe poterti dire che gli antiossidanti hanno solo vantaggi e nessuno svantaggio, ma in realtà non è così. Qui sotto ti riepiloghiamo alcuni dei principali pro e contro di questi nutrienti.

Vantaggi

  • Benefici per la salute: non ci sono dubbi sull’impatto positivo che hanno gli antiossidanti sulla salute, come dimostrato dagli studi di cui ti abbiamo parlato anche sopra.
  • Reperibilità: troviamo antiossidanti facilmente sia negli alimenti che sotto forma di integratori.
  • Tolleranza: solitamente gli antiossidanti sono ben tollerati da tutti, soprattutto quelli provenienti dagli alimenti.
  • Prezzo: alcuni dei migliori integratori di antiossidanti si trovano anche a cifre ragionevoli, come la vitamina C.

Svantaggi

  • Effetti collaterali: non si può eccedere facilmente con il cibo, ma un sovradosaggio di antiossidanti assunti tramite integratori è possibile e può portare a effetti collaterali anche gravi (in particolare la vitamina A, ma non solo).
  • Tempistiche e risultati: non basta assumere un integratore o mangiare un piatto di pomodori per ottenere dei risultati; serve tempo e i risultati non è detto che siano sempre quelli sperati, non per tutti almeno!

Approfondimento sui migliori prodotti

Doctor’S Best 1000Mg Vitamina C

antiossidanti vitamina CDoctor’S Best propone un’integrazione di vitamina C da 1 grammo (la quantità giornaliera consigliata dagli esperti) per un intero anno, grazie al suo barattolo contenente 360 capsule. Si tratta di un prodotto che non contiene additivi di nessun tipo, solo l’acido ascorbico (quindi vitamina C) e la gelatina vegetale della capsula.

Si tratta di un integratore particolarmente apprezzato poiché più facile da assumere rispetto alla polvere (dal sapore non per tutti piacevole) e alle compresse (che solitamente hanno un maggior numero di eccipienti).

NutriBiotic GSE

 NutriBioticNutriBiotic propone invece un integratore GSE (Grapefruit Seed Extract, quindi estratto di semi di pompelmo) consigliato soprattutto a chi ha problemi di stomaco o intestinali, compresa la candida. Si tratta di un concentrato liquido da assumere giornalmente nella quantità di 10 millilitri (10 gocce). Contiene naturalmente Vitamina E, flavonoidi e polifenoli.

Secondo le recensioni si tratta di un integratore che contribuisce alla lotta contro funghi, batteri e virus. Ottima concentrazione di principio attivo.

Anteamed Liposomal Glutathione

Anteamed Liposomal Glutathione antiossidanteAnteamed propone un integratore di glutatione liposomiale, uno dei più potenti antiossidanti naturali. Ogni dose da 10 ml contiene 400 mg di glutatione e la bottiglia contiene in totale 250 ml di prodotto. Non contiene lattosio, glutine né soia. La versione liposomiale permette la massima biodisponibilità, poiché il principio attivo viene trasportato fino a destinazione in liposomi che lo proteggono durante il viaggio nel nostro corpo.

Gusto a parte (il glutatione difficilmente ha un gradevole sapore se non viene mescolato ad aromi), le opinioni esaltano la sua efficacia antiossidante, soprattutto nelle affezioni della pelle come la psoriasi, ma in generale anche per il sistema immunitario.

Vegavero® BETA CAROTENE

 BETA CAROTENEL’integratore a base di beta carotene proposto da Vegavero contiene in totale 180 capsule, ognuna delle quali contiene 7 mg di principio attivo naturale (estratto di carote). Non ci sono additivi artificiali ed è vegan friendly. Si tratta di un prodotto consigliato soprattutto a chi vuole prepararsi a un’esposizione al sole salutare e a chi vuole mantenere la propria abbronzatura.

Secondo le opinioni lasciate, si tratta di un integratore veramente utile per prevenire eritemi solari e per abbronzarsi in maniera più uniforme.

Feedback positivi e negativi degli acquirenti

  • Doctor’S Best 1000Mg Vitamina C: integratore puro, alto dosaggio, dall’ottimo prezzo visto che dura per un anno.
  • NutriBiotic GSE: efficace antibatterico e antifungino, facile da assumere.
  • Anteamed Liposomal Glutathione: ottimo antiossidante, alta efficacia e biodisponibilità.
  • Vegavero® BETA CAROTENE: completamente naturale, facile da assumere, ottimo rapporto qualità-prezzo.
  • Doctor’S Best 1000Mg Vitamina C: può creare acidità in soggetti sensibili, come l’acido ascorbico in polvere.
  • NutriBiotic GSE: non per tutti efficace.
  • Anteamed Liposomal Glutathione: un po’ costoso.
  • Vegavero® BETA CAROTENE: alcuni utilizzatori non hanno tratto alcun beneficio per l’abbronzatura.

Criteri di acquisto

Tipo di antiossidante

Tutti gli antiossidanti fanno bene, ma non dovresti comprarne uno qualsiasi, almeno non prima di aver capito quale sia la sua azione. Qui sotto ti descriviamo i principali antiossidanti contenuti negli integratori:

  • Vitamina C ed E – entrambi i nutrienti sono considerati i migliori predatori di radicali liberi, responsabili del danneggiamento delle cellule. La loro combinazione protegge il sistema immunitario, favorisce la formazione di collagene e assicura il corretto funzionamento di ossa, cartilagini e articolazioni;
  • Flavonoidi – sono tra gli antiossidanti più conosciuti per la loro partecipazione al controllo dei livelli di colesterolo, al miglioramento della circolazione e alla protezione dello stomaco dai problemi intestinali;
  • Coenzima Q10 – il suo ruolo nel corpo è quello di nutrire le cellule, quindi viene immagazzinato nei reni, nel fegato e nel cuore. Inoltre, è necessario per il metabolismo dei grassi e la produzione di energia.
  • Glutatione – questo peptide è composto da tre diversi tipi di amminoacidi: cisteina, glutammina e glicina. Inoltre, agisce come un disintossicante naturale per il fegato, migliorando la funzione epatica dell’organismo e assicurando che l’azione di altri antiossidanti giunga a buon fine;
  • Carotenoidi – oltre a proteggere la pelle dai radicali liberi, i carotenoidi riducono il rischio di malattie cardiache. Sono anche fondamentali per la funzione del sistema riproduttivo, la salute degli occhi e lo sviluppo delle ossa.

Formato

La maggior parte degli integratori di antiossidanti sono in compresse o in capsule. Tuttavia esistono anche formulazioni specifiche da applicare sulla pelle, per trattare inestetismi e affezioni locali. Inoltre, alcuni integratori alimentari si trovano come fiale da assumere, anche se spesso è la formulazione più costosa (perché più concentrata e utile per fasi iniziale di “attacco”).

Sapevi che alcuni antiossidanti si perdono nella cottura (come quelli nei peperoni), mentre altri addirittura aumentano quando li cucini? La cottura di pomodori, carote e sedano, fra gli altri, aumenta infatti il numero degli antiossidanti contenuti.

Esigenze speciali

Un altro criterio importante, quando vuoi trovare il giusto integratore di antiossidanti, è la lista degli altri componenti oltre al principio attivo stesso. Tra questi infatti ci possono essere degli allergeni che potrebbero risultare dannosi per i soggetti sensibili. Inoltre, se sei vegano o comunque contrario allo sfruttamento degli animali, dovresti considerare che il prodotto che acquisti sia cruelty free.

FAQ

Quale verdura contiene più antiossidanti?

Le verdure che contengono una maggior quantità di antiossidanti naturali sono gli spinaci, i broccoli, il cavolfiore e le carote. Tra la frutta troviamo i pomodori, i frutti rossi, il kiwi, il cocomero e i melograni.

Gli antiossidanti sono conservanti naturali?

Ti sarà capitato sicuramente di aver letto un’etichetta e aver visto “antiossidante: acido ascorbico” e di aver pensato che questa sostanza serva come conservante. Tuttavia non è proprio così. La funzione degli antiossidanti non è quella di preservare la formula da attacchi microbici, lieviti o muffe, come i conservanti, ma piuttosto, come suggerisce il nome, quella di evitare la possibile ossidazione di alcuni dei suoi ingredienti.

Quali sono i migliori antiossidanti viso?

La vitamina C, il retinolo e il coenzima Q10 sono tra i più potenti antiossidanti antietà per una pelle luminosa, elastica e uniforme. In cosmetica si utilizzano anche la vitamina E, l’astaxantina e altri carotenoidi.

1 stelle2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (nessuna valutazione ancora)
Loading...
  • 300+

    prodotti confrontati

  • 27.000+

    commenti di clienti valutati

  • 10+

    esperti di settore

  • Dal 2013

    lunga esperienza

© Italiaonline S.p.A. Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963