Cerca
Generic filters
Nur genaue Treffer
Suche im Titel
Suche im Inhalt
Suche in Zusammenfassung
Prodotti testati 6
Ore impiegate
Ore impiegate 33
Studi valutati
Studi valutati 21
Recensioni lette
Recensioni lette 1990

Il Miglior Giradischi del 2021 - Confronti e Recensioni dei giradischi

Giradischi lista dei migliori prodotti del 2021

Ultimo aggiornamento il:

Voto
Prodotti testati 6
Ore impiegate
Ore impiegate 33
Studi valutati
Studi valutati 21
Recensioni lette
Recensioni lette 1990

La passione per la musica è una costante nelle nostre vite e lo è a tutte le età. Ascoltare i propri brani preferiti rilassa, emoziona e rallegra chiunque. I veri appassionati di musica, però, sanno bene che niente è meglio di un giradischi per riprodurre le tracce musicali nel modo migliore, più intenso e profondo. Da sempre molto amati, questi dispositivi non sono passati di moda e ritornano oggi arricchiti da nuove e interessanti caratteristiche. Vuoi saperne di più? Scopri la tabella comparativa che abbiamo preparato con i sei migliori giradischi sul mercato e leggi la guida con tutte le informazioni necessarie per acquistare il dispositivo più adatto alle tue esigenze.

Cos’è un giradischi e come funziona?

Il giradischi è uno strumento meccanico che consente di riprodurre l’audio da un disco in vinile facendolo ruotare a velocità costante. I piccoli solchi presenti sulla superficie del disco contengono i dati che vengono trasformati in segnali elettrici e quindi nella musica che ascoltiamo. La qualità sonora riprodotta è eccezionale e irrinunciabile soprattutto per gli audiofili che da sempre amano questo strumento.

Il giradischi è composto da una solida base sormontata dal piatto, su cui si posizionano i vinili inseriti nel perno centrale. Il braccio meccanico posizionato su un lato sostiene e muove la testina fonografica che va spostata sul disco per riprodurne il suono. La superficie del disco deve essere assolutamente pulita: anche un solo granello di polvere, infatti, può influire sull’ascolto della musica e rovinare il vinile sporcandone il suono.

Vantaggi e aree di utilizzo

I giradischi moderni si suddividono in tre tipologie principali che ne descrivono il funzionamento principale.

Affascinante da sempre, il giradischi riproduce musica di invidiabile qualità ed è amato da coloro i quali ne hanno vissuto l’epoca migliore, diversi anni fa, ma anche dai più giovani che riscoprono oggi un modo diverso e particolare di ascoltare la musica dato dalle caratteristiche peculiari di questo dispositivo.

Quali tipi di prodotto esistono?

I giradischi moderni si suddividono in tre tipologie principali che ne descrivono il funzionamento principale. Troverai le più diffuse nella nostra tabella comparativa, mentre di seguito vogliamo sottolinearne le caratteristiche principali di ognuna di esse per consentirti di comprendere al meglio quale tipologia sia più indicata per te.

Manuale

Il modello classico e più conosciuto del giradischi è quello manuale. In questo apparecchio, l’ascoltatore ha il compito di posizionare il braccio e quindi la testina sul solco del disco desiderato e poi di risollevarlo al termine dell’ascolto e riposizionarlo nella sua sede originale. Questa operazione deve essere eseguita con una certa attenzione e precisione, per evitare di rovinare puntina e vinile in modo irreparabile, rigando il disco e sporcando di conseguenza il suono. D’altro canto, questa tipologia di giradischi offre l’indubbio vantaggio, molto amato da alcuni utenti, di sentirsi coinvolti in un’operazione attiva con il disco da ascoltare.

Automatico

Il giradischi automatico, invece, facilita il classico meccanismo di avvio della musica consentendo all’ascoltatore di sentire i suoi dischi preferiti semplicemente posizionando il disco sul piatto e premendo il tasto play. A questo punto il braccio del giradischi si posiziona autonomamente sul primo solco del disco e, al termine, ritorna in automatico nella propria posizione iniziale. Forse meno interattivo della versione manuale, questa tipologia consente a un neofita di avvicinarsi a un giradischi senza timore di rovinarne le parti principali e anche il disco stesso e di riprodurre la propria musica velocemente ed efficacemente.

Semiautomatico

Ibrido fra le due tipologie appena descritte, inseriamo anche questa terza che non è presente nella nostra tabella comparativa in quanto decisamente meno diffusa. Si tratta di una versione di giradischi che prende alcune caratteristiche da entrambe le versioni precedenti: il braccio e la testina, infatti, vanno posizionati a mano dall’utente, ma al termine del disco, ritornano nella propria posizione automaticamente.

Approfondimento sui migliori prodotti

Eccoci arrivati alla descrizione dei prodotti utilizzati per la nostra comparativa, risultano essere i più scelti e apprezzati dalla maggior parte degli acquirenti.

Pioneer PLX-500-K

Pioneer PLX-500-K è un giradischi manuale a trazione diretta dotato di porta USB e perfetto per produrre il miglior suono di alta qualità.

Pioneer PLX-500-K è un giradischi manuale a trazione diretta dotato di porta USB e perfetto per produrre il miglior suono di alta qualità. Dai test effettuati sul dispositivo, risulta essere in grado di smorzare di molto le vibrazioni e di riprodurre i suoni in maniera precisa. Grazie alla porta USB si collega al PC per trasferire le tracce audio. Offre una velocità di lettura di 33, 45 e 78 giri ed è molto indicato per l’utilizzo da parte dei D.J.

La struttura è robusta e resistente grazie anche al coperchio protettivo e il dispositivo ha uno stile moderno e piacevole. Presenta anche il selettore di uscita Phono/Line. Nelle opinioni rilasciate dagli utilizzatori, risalta l’apprezzamento per la solidità del dispositivo e la sua eleganza.

1byone 471DE-0010

1byone 471DE-0010 è un giradischi manuale con trazione a cinghia

1byone 471DE-0010 è un giradischi manuale con trazione a cinghia già dotato di un set di altoparlanti Hi-Fi Wireless da 36W e velocità di lettura di 33/45 giri. Il piatto è realizzato in solido ferro per dare resistenza e stabilità alla rotazione. Include un contrappeso regolabile e antipattinaggio che, a seguito dei test effettuati, consente effettivamente alla puntina di muoversi fluidamente.

Il dispositivo offre anche una porta USB per trasferire le tracce in MP3 su computer o smartphone ed è anche predisposto per collegarsi tramite Bluetooth ai dispositivi preferiti. Include il connettore Phono/Line. L’aspetto elegante e vintage contrasta con le moderne caratteristiche di cui è dotato il giradischi, ma è molto apprezzato dagli acquirenti.

Dual DT 210 USB

Dual DT 210 USB è un giradischi automatico con trasmissione tramite cinghia

Dual DT 210 USB è un giradischi automatico con trasmissione tramite cinghia e dotato di una velocità di lettura di 33/45 giri al minuto. Include una porta USB versione 2.0 per il trasferimento degli MP3 su altri dispositivi. La testina di cui è dotato è a cartuccia magnetica AT3600 e il dispositivo include il cavo RCA.

La base è nera e stabile, chiusa da un coperchio protettivo. La praticità d’utilizzo del giradischi automatico che consente di azionare il braccio mobile e di fermarlo automaticamente è molto apprezzata dagli utenti e testata anche favorevolmente per l’uso da parte dei bambini.

Teac TN-400BT-WA

Teac TN-400BT-WA è un giradischi manuale dotato di trasmissione a cinghia

Teac TN-400BT-WA è un giradischi manuale dotato di trasmissione a cinghia e disponibile in cinque diverse colorazioni con una velocità di lettura di 33/45/78 giri al minuto. Include una testina AT95E, il piatto in alluminio pressofuso, la base in legno MDF, un braccio a S in alluminio con contrappeso e funzione antipattinaggio.

Dai test effettuati emette vibrazioni basse e scarso rumore. Offre anche un preamplificatore Phono escludibile e la porta USB per la registrazione degli audio su PC o smartphone ed è dotato di funzionalità Bluetooth. L’opinione degli utenti è positiva soprattutto per la qualità del suono generata.

Vantaggi e svantaggi descritti nei feedback degli acquirenti

Come accade per qualsiasi acquisto, la possibilità di testare e utilizzare i migliori giradischi che ti abbiamo presentato ne ha fatto risaltare sia i pro che i contro. Li elenchiamo sinteticamente di seguito per consentirti di scegliere il tuo giradischi preferito con consapevolezza.

  • La stabilità di alcuni giradischi è una caratteristica molto apprezzata.
  • Il montaggio dei giradischi, secondo i test degli utilizzatori risulta in gran parte molto facile.
  • Il campo di ricezione del Bluetooth di molti giradischi è notevolmente ampio.
  • Il design della gran parte dei giradischi si adatta a qualsiasi stile in cui viene inserito.
  • I giradischi automatici sono un ottimo compromesso qualità-prezzo secondo i test di molti utenti.
  • Le custodie a valigetta di alcuni giradischi sono molto apprezzate per poter trasportare i dispositivi.
  • Le puntine di alcuni giradischi non rendono bene e molti utenti preferiscono cambiarle.
  • Alcuni acquirenti nelle loro opinioni lamentano che il bilanciamento del peso del braccio non è ottimale.
  • La mancanza di regolazione del contrappeso causa il salto di alcune tracce, secondo i test di alcuni utenti.
  • La mancanza del copri puntina è un difetto importante nell’opinione di molti utilizzatori.
  • I motori di alcuni giradischi risultano particolarmente rumorosi secondo i test degli acquirenti.
  • Alcuni giradischi non offrono il manuale d’istruzioni, una mancanza fastidiosa nell’opinione di molti utenti.

Criteri di acquisto

I fattori che ti faranno propendere per un giradischi al posto di altro li potrai trovare di seguito. Abbiamo selezionato quelli fondamentali utilizzati anche nella nostra tabella comparativa che ti consentiranno di effettuare la tua scelta a seconda delle caratteristiche che ritieni più importanti personalmente.

Velocità di lettura

La velocità di rotazione del piatto del giradischi deve essere costante per consentire di riprodurre correttamente la traccia incisa, ma diversa a seconda del tipo di vinile che si desidera ascoltare. Così avremo giradischi che consentono di effettuare 33,5 giri al minuto, per i vinili a 33 giri o Long Playing, 45 giri al minuto per gli Extended Play, e infine 78 giri al minuto per gli antenati degli LP ed EP, oramai in disuso dal 1940.

Trazione diretta o a cinghia

I giradischi con trazione diretta sono in grado di offrire una velocità costante grazie a un albero di trasmissione che trasferisce il movimento dal motore al piatto senza intermediari e sono i più resistenti e meno soggetti a usura. Al contrario, i modelli con trazione a cinghia, trasmettono il movimento tramite una cinghia di gomma collegata dal motore al piatto; questi modelli consentono di diminuire le vibrazioni ed eventuali rumori accidentali.

Sapevi che l’antenato del giradischi è il fonografo? Inventato da Thomas Edison nel 1877, era uno strumento che consentiva di registrare e riprodurre suoni impressi su un cilindro, prima ancora della più moderna incisione.

Porta USB

Se desideri poter codificare le tracce dei vinili che ascolti in MP3 per poi ascoltarle su un altro dispositivo, dovrai verificare che il tuo giradischi sia dotato di una porta USB alla quale collegare il dispositivo sul quale riversare gli MP3 (una chiavetta, un cellulare, ecc.). Grazie a questa caratteristica, inoltre, potrai editare le tracce audio o separarle a tuo piacere e metterle al riparo dall’usura del vinile.

Bluetooth e altoparlanti

I giradischi dotati di funzione Bluetooth consentono di collegare l’apparecchio a una cassa senza utilizzare i cavi RCA, oppure di ascoltarne l’audio direttamente dal proprio smartphone o dal PC. Quelli invece dotati di altoparlanti integrati consentono di convertire i segnali elettrici in musica e di trasmetterli all’amplificatore o alle casse integrate. Questo annulla l’inconveniente di dover collegare i cavi alle casse esterne e rende il giradischi un dispositivo pronto all’uso.

Alternative al giradischi

Qualora non si volesse optare per il classico giradischi ma non si volesse rinunciare a scoprire cosa si nasconde dentro ai neri dischi di vinile, si potrebbe optare per un giradischi portatile. Si tratta di un riproduttore musicale wireless che ha l’aspetto di un piccolo mattoncino di legno e riproduce la musica dopo essere stato appoggiato sul disco e averne alzato l’apposita levetta tramite collegamento a una cassa Bluetooth. Metodo rivoluzionario e creativo, è il dispositivo stesso a girare lungo i solchi del vinile al posto del disco.

FAQ

Perché il vinile ha un suono migliore del digitale?

Siccome i file digitali vengono compressi per poter essere archiviati su computer o telefono, molti dei dettagli vengono persi durante il processo, in un ragionevole compromesso fra qualità e praticità. Il vinile invece include tutti i dettagli che l’artista ha aggiunto alla traccia in fase di incisione. È un po’ come vedere il quadro di un grande artista dal vivo anziché osservarne una riproduzione sul computer.

Il giradischi può leggere i CD?

No. Pur essendo anch’essi dei “dischi”, non possiedono i solchi utilizzati dal giradischi per riprodurne il suono, bensì contengono dati memorizzati in forma binaria (sequenze di 1 e 0) con piccoli fori leggibili da un laser che riflette la luce o meno producendo un segnale elettrico che si trasforma poi in musica.

Come si pulisce la testina del giradischi?

La testina sporca potrebbe distorcere il suono e togliervi limpidezza, per questo è consigliabile pulirla ogni 2 o 3 ascolti con l’apposita spazzolina. Oppure è anche possibile utilizzare una miscela di acqua distillata con un terzo di alcool etilico per farla tornare allo splendore originale.

1 stelle2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (nessuna valutazione ancora)
Loading...
  • 300+

    prodotti confrontati

  • 27.000+

    commenti di clienti valutati

  • 10+

    esperti di settore

  • Dal 2013

    lunga esperienza

© Italiaonline S.p.A. Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963