Prodotti testati 4
Ore impiegate
Ore impiegate 27
Studi valutati
Studi valutati 19
Recensioni lette
Recensioni lette 1180

I Migliori Sensori di Parcheggio del 2021 - Confronti e Recensioni dei Sensori di Parcheggio

Sensore di parcheggio lista dei migliori prodotti del 2021

Ultimo aggiornamento il:

Voto
Prodotti testati 4
Ore impiegate
Ore impiegate 27
Studi valutati
Studi valutati 19
Recensioni lette
Recensioni lette 1180

Guidare in una città, soprattutto se di grandi dimensioni, sta diventando sempre più difficile, in particolar modo nel momento di trovare un parcheggio libero. E, quando lo si trova, lo spazio a disposizione è sempre pochissimo, il che ci obbliga a fare mille manovre, che a volte finiscono per farci toccare l'auto vicina, muretti o altri ostacoli. Tuttavia, il prodotto che ti descriveremo in questa guida comparativa potrà risolvere il problema. Qui, infatti, troverai tutte le informazioni necessarie affinché tu possa scegliere i migliori sensori di parcheggio per te. Inoltre, ti abbiamo preparato una tabella in cui sono raccolti quelli che, secondo i nostri test e le opinioni dei consumatori, sono i più efficaci e convenienti modelli in commercio.

Cos’è importante sapere sui sensori di parcheggio?

I sensori di parcheggio sono un prodotto creato per aiutare gli autisti ad avere una migliore consapevolezza generale di ciò che si trova davanti o dietro di loro. Possono essere particolarmente utili durante i parcheggi, ma anche quando si è in marcia, poiché ci aiuteranno a mantenere la giusta distanza di sicurezza dagli altri veicoli o ci avviseranno in caso qualcuno stia attraversando la strada.

Esistono due tipi principali di sensori di parcheggio. Il primo è costituito dai sensori classici, i quali dovranno essere montati all’interno di fori effettuati sul paraurti (fori che spesso le auto hanno già). Il secondo tipo è composto dai sensori di parcheggio elettromagnetici. Questi prevedono un’installazione molto meno invasiva, all’interno del paraurti. Entrambe le tipologie vengono vendute in kit che comprendono anche una centralina a cui collegarli e un dispositivo audio o video per la segnalazione del pericolo in prossimità.

A chi possono essere utili i sensori di parcheggio?

I sensori di parcheggio possono essere particolarmente utili in varie situazioni. Di seguito vediamo in quali occasioni è consigliato l’acquisto di uno di questi prodotti.

Chi vuole avere un’idea degli ostacoli durante il parcheggio

Ovviamente, l’obbiettivo principale dei sensori di parcheggio è proprio quello di aiutare chi guida a prendere bene le misure durante l’entrata o l’uscita da un parcheggio, evitando di danneggiare sia la propria auto sia quelle degli altri. Per fare ciò, come abbiamo visto, le aziende produttrici ci mettono a disposizione sia la versione video, che vedremo nella sezione successiva, sia la versione sonora.

Quest’ultima è perfetta se ciò di cui hai bisogno è semplicemente avere un’idea generale di ciò che si trova davanti e dietro di te. Infatti, questa tipologia di sensori prevede una gamma di suoni intermittenti che andranno a intensificarsi pian piano che la macchina si avvicina alla distanza minima, fino a trasformarsi in un suono forte e prolungato.

Chi desidera precisione

Se invece avere solo un’idea di ciò che ti circonda non è sufficiente e vuoi ottenere un aiuto maggiore per non parcheggiare male, che vada al di la del semplice suono, allora ti consigliamo di orientare la tua scelta verso un kit di sensori di parcheggio che prevedano un dispositivo video integrato.

Questa tipologia di sensori ti permetterà non solo di sapere se sei vicino o distante dall’ostacolo, ma anche a che distanza. Infatti, molti modelli ti forniranno la distanza in metri o attraverso sfumature di colore che vanno dal verde al rosso, dove quest’ultimo significa che devi fermarti in quanto troppo vicino all’ostacolo.

Chi guida nel traffico

L’obbiettivo principale dei sensori di parcheggio è proprio quello di aiutare chi guida a prendere bene le misureQuesti prodotti non sono utili solo in fase di parcheggio, come il nome potrebbe far pensare. Pensiamo, per esempio, a una situazione di traffico dove le distanze di sicurezza tra un veicolo e l’altro scompaiono. Qui le auto potrebbero avvicinarsi troppo, al punto di poter causare incidenti e peggiorare ancor più il traffico.

I sensori di parcheggio possono entrare in gioco anche in questi casi, avvisandoti se un veicolo si sta avvicinando troppo. Qui entrambe le tipologie possono essere utili, in quanto ci serviranno solo per prendere la precauzione di avanzare leggermente o di farlo notare a chi ci è dietro.

Quali sono i principali vantaggi e svantaggi dei sensori di parcheggio?

Come abbiamo visto, i sensori di parcheggio offrono diversi vantaggi a chi decide acquistarli. Tuttavia, come ogni prodotto, non sono esenti da svantaggi che bisogna prendere in considerazione. Di seguito ti elenchiamo quelli risultati dai nostri test e dalle opinioni dei compratori.

Vantaggi

  • Visione completa: i sensori di parcheggio ci permettono di migliorare la visione degli ostacoli che ci circondano.
  • Sicurezza: avvisandoci della presenza di ostacoli, i sensori di parcheggio possono farci evitare di toccare i pedoni che potrebbero passare dietro di noi mentre facciamo retromarcia.
  • Varietà: in commercio sono presenti diversi modelli dello stesso prodotto, in modo da permetterti di trovare quello che risponde al meglio alle tue esigenze.

Svantaggi

  • Montaggio: i sensori di parcheggio classici potrebbero richiedere di effettuare fori sul paraurti, rendendo più difficile il montaggio.
  • Calibrazione: tutti i sensori andranno calibrati prima del fissaggio definitivo, il che potrebbe richiedere un certo dispendio di tempo.

Approfondimento sui migliori prodotti

Aolead DCLD008BAL

Aolead DCLD008BAL sensori di parcheggioSe stai cercando un kit di sensori di parcheggio classici, da montare sul paraurti posteriore della tua auto, allora questo prodotto potrebbe fare al caso tuo. Si tratta del kit Aolead DCLD008BAL, composto da 4 sensori neri (disponibili anche in altri tre colori), una centralina e un dispositivo audio da cui verrà emesso il suono d’allerta.

Questo prodotto ti permette di avere una copertura che va dai 2,5m fino a praticamente 0 cm di distanza dall’ostacolo posteriore. Il dispositivo d’allarme è in grado di emettere suoni a frequenze differenti in base alla distanza. In questo modo potrai sempre sapere quando è ora di invertire il senso di marcia per evitare di rovinare la tua auto o quella dietro di te.

Cocar ‎LED070-RD

Cocar LED070-RD tra i migliori sensori parcheggioSe invece la sola copertura posteriore non è sufficiente e vuoi avere il completo controllo anche sulla parte anteriore del veicolo, allora dovresti dare un’occhiata a questo Cocar ‎LED070-RD. Parliamo di un kit di sensori di parcheggio contenente ben 8 sensori, di cui 4 da installare sul paraurti posteriore e 4 su quello anteriore.

Il Cocar ‎LED070-RD prevede un doppio sistema di avviso. Infatti, oltre al tipico dispositivo sonoro, questo prodotto offre anche un semplice display LED sul quale verrà mostrata la distanza, sia in metri che utilizzando una gamma di colori dal verde al rosso in base allo spazio a disposizione tra la nostra auto e l’ostacolo.

AUTO-VOX CS-2

AUTO-VOX CS-2Passiamo ora a un prodotto che, seppur non considerato un sensore di parcheggio vero e proprio, potrebbe risultare particolarmente utile ogni volta che si effettua una retromarcia, soprattutto in spazi stretti. Si tratta del AUTO-VOX CS-2, un sistema composto da una piccola telecamera da montare sulla parte posteriore (normalmente in prossimità della targa), la quale si collegherà a un display da posizionare sul cruscotto.

Il collegamento è completamente wireless e, per tanto, molto semplice da eseguire. Questa ci permetterà non solo di sapere a che distanza sono gli ostacoli, ma ci offrirà la possibilità di vederli direttamente attraverso lo schermo da 4,3 pollici montato all’interno dell’abitacolo.

Maso

MasoConcludiamo questa sezione dedicata ai migliori sensori di parcheggio con un prodotto di alta qualità. Parliamo del kit Maso comprendente 8 sensori, una centralina e un display LCD da montare sul cruscotto. Questo prodotto ci permetterà di coprire entrambe le parti della vettura, in modo da avere una visione completa di ciò che ci circonda.

Il display sarà in grado di mostrarci contemporaneamente non solo la distanza in metri, sia anteriore che posteriore, ma anche in che punto esatto si trova l’ostacolo in base al sensore che lo rileva. Inoltre, nella confezione troverai anche una punta perforatrice per trapano della misura perfetta per poter iniziare l’installazione dei sensori immediatamente.

Feedback positivi e negativi degli acquirenti

  • Aolead DCLD008BAL: il prodotto ha un ottimo rapporto qualità-prezzo.
  • Cocar ‎LED070-RD: la distanza riportata sul display è molto precisa.
  • AUTO-VOX CS-2: la qualità dell’immagine sul display è molto alta.
  • Maso: offre la possibilità di coprire sia la parte anteriore che quella posteriore dell’auto.
  • Aolead DCLD008BAL: il montaggio richiede almeno un paio d’ore per essere completato.
  • Cocar ‎LED070-RD: la punta del trapano a disposizione potrebbe risultare leggermente più grande del sensore.
  • AUTO-VOX CS-2: il prezzo del kit è un po’ alto.
  • Maso: i sensori potrebbero sporgere leggermente dalla carrozzeria.

Criteri di acquisto

Tipologia

Il primo fattore da prendere in considerazione quando si decide di acquistare un kit di sensori di parcheggio è senza dubbio la tipologia di prodotto verso la quale ci si vuole orientare. Come abbiamo visto, esistono due tipi principali di sensori: quelli che prevedono un dispositivo di allerta acustico e quelli che, invece, includono un display in modo da dare il segnale visivamente.

La scelta dipenderà principalmente dalla precisione che vogliamo ottenere relativamente alla distanza tra la nostra auto e i vari ostacoli. In tal caso, la versione video potrà offrire informazioni più precise rispetto alla versione acustica.

Modello di auto

Il modello di auto che possediamo sarà un altro fattore fondamentale da prendere in considerazione prima dell’acquisto. Questo perché i sensori di parcheggio in commercio non sono necessariamente universali, sia per il tipo di installazione che per il tipo di connessione della centralina. Per questa ragione, ti consigliamo di controllare sempre per quali modelli di auto è pensato il prodotto che stai per acquistare.

Lo sapevi che molti dei kit di sensori di parcheggio presenti in circolazione includono una punta per il trapano? Questa ti permetterà di iniziare l’installazione immediatamente e di ottenere fori della misura perfetta per far entrare i sensori.

Tipo di montaggio

Infine, dovremo controllare il tipo di montaggio che prevede il modello di sensore che abbiamo deciso di acquistare. Basandoci su questo criterio troveremo due tipi di sensori di parcheggio. Da un lato abbiamo quelli classici, il cui montaggio potrebbe risultare complicato in quanto bisognerà effettuare dei fori sul paraurti con un trapano a batteria se non possiamo sfruttare un garage. Dall’altra, invece, abbiamo quelli elettromagnetici, che andranno montati nella parte interna del paraurti, facilitando così l’installazione.

FAQ

Come montare i sensori di parcheggio?

Il montaggio dei sensori di parcheggio dipenderà dal tipo di prodotto che acquisteremo. Come abbiamo visto in questa guida comparativa, alcuni modelli prevedono il montaggio tramite fori sul paraurti, mentre altri offrono un’installazione più semplice. Tuttavia, entrambi, una volta fissati, dovranno essere collegati a una centralina presente all’interno del veicolo, il cui compito è quello di fornire alimentazione e farli funzionare correttamente. La centralina, a sua volta, andrà collegata a una fonte di alimentazione (solitamente 12 V) e al dispositivo sonoro o al display che ci restituirà il segnale di allerta.

Perché i sensori di parcheggio suonano sempre?

A volte, in seguito all’installazione, è possibile che i sensori di parcheggio inizino a suonare in continuazione e senza una ragione apparente. Questo è un problema comune legato ad errori nel fissaggio e nella calibrazione. Infatti, prima di procedere a fissare i sensori sul paraurti, bisognerà calibrarli con attenzione usando vari oggetti di diverse dimensioni, in modo da trovare la giusta posizione per fissarli.

Dove comprare i sensori di parcheggio?

Per poter acquistare un kit di sensori di parcheggio, potrai recarti in un negozio specializzato in prodotti per auto. Qui potrai trovare una gran varietà di prodotti che potranno soddisfare le tue necessità e aspettative. In alternativa, nel caso non avessi un negozio vicino casa o volessi procede all’acquisto direttamente dal tuo divano, allora ti consigliamo di dare un’occhiata ai vasti cataloghi offerti dai negozi online. Qui non solo troverai più scelta ma anche prezzi inferiori.

1 stelle2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (nessuna valutazione ancora)
Loading...
  • 300+

    prodotti confrontati

  • 27.000+

    commenti di clienti valutati

  • 10+

    esperti di settore

  • Dal 2013

    lunga esperienza

© Italiaonline S.p.A. Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963